La Birra di Mele

 

La birra artigianale è una birra del tutto naturale, doppio malto non pastorizzata, rifermentata in bottiglia e senza aggiunta di conservanti o anidride carbonica. Proprio per queste sue peculiarità è adatta a chiunque. Il suo gusto come quello di un buon vino è in continua evoluzione e se è mantenuta in cantina, distante da fonti di calore, può essere conservata anche dopo la data di scadenza indicata sulla bottiglia. In generale della birra artigianale italiana si può dire che sia ancora agli albori, in quanto i consumatori devono essere sensibilizzati in tal senso.

La birra di mele in particolare, è stata lanciata dal gruppo tedesco Holsten nel 2002, ed è subito stata un successo di pubblico, colpito principalmente dalla delicatezza, dal profumo del luppolo, dal piacevole sentore della mela e dal colore dorato e luminoso. Tornando a casa nostra invece, in provincia di Caserta precisamente ad Alvignano è nato un micro birrificio per opera di Mario Cipriano, che produce la birra di mele creata aggiungendo alla ricetta classica una composta di mele annunrche (Birra Centesimale). La mela annurca conosciuta per il suo profumo inebriante, sembra dare a questa birra un’aroma tutto particolare. E’ caratterizzata dall’originalità degli ingredienti usati alquanto inusuali che sono: il mosto cotto di pallagrello e appunto le mele annurche. Questa birra è particolarmente adatta a essere degustata insieme a piatti tipici della zona come ad esempio: rucola e provola; cavatelli con guanciale di maiale nero casertano; capocollo, salsiccia, soppressata, tagliozzi con ragù.

Il birrificio la Birra di Meni, in Friuli, è anch’esso conosciuto per la sua birra speciale alle mele, caratterizzata da un colore chiaro, da un profumo netto di mele, da un sapore fruttato con gusti autunnali. E’ ottenuta da malto Pilsner e mele friulane, si può bere anche fuori pasto proprio per il suo sapore piacevole ed è particolarmente adatta a piatti come risotti con verdure, secondi di carne bianche e formaggi stagionati.